Due giorni di inaugurazioni: dopo Coop Lido Ca’ Bianca ha riaperto oggi alle 9 anche la Coop San Felice

Ancora Venezia nell’attenzione di Coop Alleanza 3.0: oggi, dopo la riapertura di ieri di Coop Lido Ca’ Bianca si è tagliato il nastro alla Coop San Falice.

Presenti alla cerimonia inaugurale Emilia Carlucci, vicepresidente di Legacoop Veneto, Diego Ghersi responsabile Macroarea Friuli Veneto di Coop Alleanza 3.0 e in rappresentanza dei soci Coop, Gianni Vianello, presidente del Consiglio di Zona Venezia Laguna. A tutti i clienti sono stati offerti assaggi di caffè solidal Coop e un piccolo rinfresco, oltre a una torta a tema. Le due ristrutturazioni rientrano nel piano di riqualificazione della rete di vendita Coop a Venezia: dei 18 punti vendita della Cooperativa, 6 sono stati riqualificati nel 2017, mentre il prossimo anno ne saranno restaurati almeno due.  L’obiettivo di Coop Alleanza 3.0 è quello di privilegiare chi vive nei quartieri cittadini, in particolare i soci Coop, prestando attenzione alle particolarità della città lagunare con equilibrio tra le esigenze dei residenti e dei turisti. Di nuovo al centro degli obiettivi di Coop Alleanza il rapporto con il territorio, anche attraverso le attività sociali realizzate in alcuni negozi lagunari: come Brutti ma buoni, recupero dei prodotti invenduti ma ancora salubri da destinare alle associazioni locali, come le Raccolte solidali, a favore delle persone in difficoltà del territorio, o i percorsi e i laboratori di educazione al consumo consapevole che ogni anno coinvolgono diversi istituti del territorio di Venezia e Mestre.

La Coop

Coop San Felice, con i suoi 850 mq, 46 dipendenti di cui 3 nuove assunzioni, 8 casse di cui 4 self scanning di nuova introduzione, è il punto vendita più grande della cooperativa a Venezia. In ragione della sua posizione centrale il nuovo negozio svolgerà anche il servizio di bar caffetteria con paste per la prima colazione, panini e tramezzini, grazie a una vetrina con ingresso autonomo e affaccio diretto su Strada Nuova. Il negozio è in grado di garantire tutta la qualità, l’eticità e la sicurezza dei prodotti Coop, con la linea dei biologici ViviVerde, il meglio dell’eccellenza gastronomica Fior Fiore. Di recente introduzione, anche in questo caso, il servizio di pane self service e la gastronomia servita, arricchita da una maggiore offerta di piatti caldi e freddi da asporto, mentre è stata potenziata la proposta take – a way di macelleria e pescheria. Notevole anche l’offerta dei vini con la cantinetta che ospita anche svariate etichette regionali. La spesa quotidiana infine è completata con l’assortimento di prodotti alimentari surgelati, per la cura della persona e la pulizia della casa.

I lavori di ristrutturazione, iniziati ad ottobre e completati in tempi record, hanno inaspettatamente riportato alla luce, attraverso un restauro conservativo condotto con la Soprintendenza dei beni culturali, un arco rinascimentale e una “serliana”, un elemento palladiano del Cinquecento che somiglia a una trifora. In passato le luci, le scaffalature esistenti ne avevano completamente nascosto il valore. Anche il pavimento è stato restaurato e si sono realizzati accorgimenti in grado di valorizzare i particolari architettonici ritrovati. Ora nel negozio, posto tra il rinascimentale palazzo Mora e il nuovo spazio di inizio Novecento, si potrà leggere la struttura architettonica del luogo.

Bologna, 1 dicembre 2017

Per informazioni: Ufficio stampa Coop Alleanza 3.0