Il fatturato 2011 del Gruppo Apo Conerpo ha registrato 702 mio di euro: +4,6% rispetto all’anno precedente, con un lieve incremento anche nel patrimonio netto attestatosi su 26,6 mio di euro. Tutto bene dunque, nonostante la crisi? No, perché questi risultati sono anche frutto dei 63 mio di euro investiti, soprattutto nel miglioramento della qualità, nelle promozioni e nelle misure ambientali. Comunque le cifre positive hanno incoraggiato il consorzio ad affrontare con nuova determinazione la crisi. Il principale cliente è stata la Gda con 116 mio di euro, seguita dall’esportazione con 104 mio e dal mercato tradizionale con 89 mio. Questo non toglie che i 7.000 soci riuniti in 45 cooperative abbiano risentito, oltre la crisi economica e dei consumi, anche quella dell’anomalo andamento climatico del tempo, particolarmente siccitoso in Italia e avaro di bel tempo in Europa. Afferma Davide Vernocchi, riconfermato presidente: “Nel prossimo triennio ci concentreremo sulla ricerca e sull’innovazione del prodotto, sull’internazionalizzazione con la ricerca di nuovi mercati e nello sviluppo della marca”.